FACCIAMO PARI

Facciamo Pari nasce con l’obiettivo di promuovere la cultura di genere e delle pari opportunità nel territorio dell’Unione dei Comuni Montani Amiata Grossetana. Il progetto ha una durata di 6 mesi, da Aprile a Settembre 2013 e coinvolge tutte le Associazioni giovanili culturali riunite nel “Tavolo Giovani” coordinato dalla nostra Cooperativa: “ArtQ” di Arcidosso, “Tarabaralla” di Castel del Piano, “Club Fotografico Circolo di Confusione” di Arcidosso, “Con i Se e con i Ma” di Santa Fiora e “Ibbirillo” di Arcidosso.

Facciamo_Pari

Fac­ciamo Pari nasce con l’obiettivo di pro­muo­vere la cul­tura di genere e delle pari oppor­tu­nità nel ter­ri­to­rio dell’Unione dei Comuni Mon­tani Ami­ata Gros­se­tana. Il prog­etto ha una durata di 6 mesi, da Aprile a Set­tem­bre 2013 e coin­volge tutte le Asso­ci­azioni gio­vanili cul­tur­ali riu­nite nel “Tavolo Gio­vani” coor­di­nato dalla nos­tra Coop­er­a­tiva: “ArtQ” di Arci­dosso, “Tarabar­alla” di Cas­tel del Piano, “Club Fotografico Cir­colo di Con­fu­sione” di Arci­dosso, “Con i Se e con i Ma” di Santa Fiora e “Ibbir­illo” di Arci­dosso. Ogni Asso­ci­azione ha orga­niz­zato e svilup­pato una speci­fica inizia­tiva cul­tur­ale, cre­ando un per­corso di sen­si­bi­liz­zazione della popo­lazione alla dif­fu­sione e alla conoscenza del prin­ci­pio di par­ità e val­oriz­zazione delle diver­sità. Par­ti­co­lar­mente inter­es­sante è la dimen­sione “itin­er­ante” del prog­etto in un ter­ri­to­rio come quello ami­atino già con­no­tato da una forte impronta iden­ti­taria: le attiv­ità real­iz­zate sono in costante relazione con il con­testo cul­tur­ale e sociale di rifer­i­mento, in cui la popo­lazione, soprat­tutto quella gio­vanile, è stata invi­tata a parte­ci­pare e ad inter­a­gire fat­ti­va­mente. Di seguito illus­tr­eremo in sin­tesi il con­tenuto di ogni inizia­tiva:

Io e me — Visioni diverse di bam­bini uguali e Set­ti­mana del bam­bino
Asso­ci­azioni coin­volte: IBBIRILLO E ARTQ
È stato real­iz­zato un video carat­ter­iz­zato da inter­viste ai bam­bini ital­iani e stranieri che fre­quen­tano le ludoteche dei Comuni di Arci­dosso, Santa Fiora, Sem­pro­ni­ano e Castell’Azzara ed altri parte­ci­panti al Prog­etto “W l’italiano-Integrazione attra­verso la lin­gua” pro­mosso dall’Associazione Sol­i­da­ri­età senza Con­fini di Arci­dosso. Dal video sono emerse le dif­ferenze e le simil­i­tu­dini esistenti tra le famiglie ital­iane e straniere dal punto di vista priv­i­le­giato dei più pic­coli che hanno potuto dar voce ai loro pen­sieri ed emozioni. Il video è stato proi­et­tato in anteprima in occa­sione del Fes­ti­val Alter­azioni a fine Luglio e nel mese di Agosto, durante la “Set­ti­mana del Bam­bino”, che prevede lab­o­ra­tori didat­tici e tante inizia­tive per bam­bini e sem­i­nari, incon­tri per gen­i­tori divisi per tem­atiche quali l’educazione dei figli, l’uguaglianza tra il padre e la madre nella relazione con il figlio, l’uguaglianza del trat­ta­mento di figli di sesso diverso, le dif­ferenze
nell’educazione dei figli tra dif­fer­enti culture.

In genere…
Asso­ci­azioni coin­volte: CLUB FOTOGRAFICO CIRCOLO DI CONFUSIONE
L’associazione ha dato vita ad un con­corso fotografico che ha avuto come argo­mento prin­ci­pale l’individuazione della figura fem­minile nell’attuale spazio sociale, lavo­ra­tivo, affet­tivo e sim­bol­ico.
Dal con­corso sono state selezion­ate trenta fotografie esposte in una mostra itin­er­ante in tre musei del Sis­tema Muse­ale Ami­ata: Castello Aldo­bran­desco di Arci­dosso (dal 7 al 21 Luglio), Casa Museo di Mon­ti­cello Ami­ata (dal 3 al 18 Agosto) e Palazzo Nerucci di Cas­tel del Piano (dal 31 al 10 Set­tem­bre). Durante l’esposizione i vis­i­ta­tori hanno l’occasione di votare la fotografia che preferiscono espri­mendo anche un com­mento per l’immagine preferita, anno­tan­dola in una scheda in forma anon­ima. La fotografia che riceve più pref­erenze di voto sia via web sia dalle schede car­tacee rac­colte durante la mostra, sarà la vincitrice del con­corso e verrà pub­bli­cata sulla cop­er­tina del foto-libro ded­i­cato alla escrizione di tutte le inizia­tive delle asso­ci­azioni ader­enti al prog­etto.

Senti che Fiora 2013 — Piacere, sono una donna
Asso­ci­azioni coin­volte: CON I SE E CON I MA
L’Associazione “Con i se e con i ma” ha ded­i­cato l’intero fes­ti­val “Senti che Fiora 2013” al tema delle pari oppor­tu­nità. “Piacere sono una donna” si svolge in un’unica gior­nata densa di man­i­fes­tazioni al Parco della Faina di Santa Fiora: aper­tura di una mostra di arte e fotografia che ha come tema l’affermazione della donna nella soci­età mod­erna; per­for­mance teatrale “Alice nel paese delle doman­dine” del Teatro Stu­dio di Gros­seto; con­certo di Chiara Vido­nis, Miss Chain and the bro­ken heels e dj set a cura di Miss Red. L’appuntamento tutto al fem­minile si svol­gerà sabato 9 Agosto 2013.

Donne a Palazzo Arte & Meet­ing
Asso­ci­azioni coin­volte: TARABARALLA
L’associazione Tarabar­alla in col­lab­o­razione con l’Istituzione cul­tur­ale I. Imber­ci­adori ha voluto real­iz­zare una ker­messe tutta al fem­minile, carat­ter­iz­zata in par­ti­co­lare da una mostra col­let­tiva che vede la parte­ci­pazione di sedici artiste, tutte donne res­i­denti e che lavo­rano nel ter­ri­to­rio dell’Unione dei Comuni. L’idea è stata quella di aprire lo spazio muse­ale alla cre­ativ­ità fem­minile:
la Rac­colta d’arte di Palazzo Nerucci, che vanta tra le sue opere due ritratti di mano fem­minile (il pre­giato autori­tratto in pastello di Ros­alba Car­ri­era ed il ritratto in seta di Cosimo III dei Medici) è arric­chita fino al 10 Set­tem­bre da creazioni raf­fi­natis­sime di pit­tura, scul­tura, illus­trazione, ceram­ica, mosaico, dec­o­razione di arredi, video, fotografie e un’esibizione musi­cale che ha coin­volto la scuola comu­nale di musica “I. Fazzi” e che si è real­iz­zata il 15 Giugno in occa­sione del vernissage. Inoltre si sono svolti due incon­tri sul tema “Le donne e il mondo del lavoro” che hanno visto la parte­ci­pazione di “Info­day Gio­vanisì” prog­etto regionale per l’autonomia dei gio­vani pre­sen­tato dallo sportello mobile della Provin­cia di Gros­seto e dall’infopoint Ami­ata grossetana.

Leave a Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi